Abrétio

Da Zeneize-Italiano.

Lemma incompleto: per inserire o conoscere le motivazioni selezionare l'immagine
 
1. A iosa
2. A vanvera
3. A caso
4. Ad arbitrio
Parte del discorso della parola genovese

Avverbio

Abrétio
non è ancora presente sul rimario

Descrizione
A caso, a casaccio, ad arbitrio
info Grafîa ofiçiâ Grafia semplificata Pronuncia (SAMPA)
abrétio abrétio [a"bretju]
Abrétio sui vocabolari storici
Giuseppe Olivieri (1841)
Vedi
Abbréttio. Modo avverbiale, che ha varii significati; e vale A caso, A casaccio, Ad arbitrio A vanvera, Alla scapestrata, A josa, A pazzombroglio, A catafascio. Scrive abbrettio, vale Scrivere a capriccio senza determinata regola. Fâ e cose abbrettio, è Farle a caso, senza pensarvi, senza riflessione. Parlâ abbrettio, Favellare a casaccio, a caso, a fata, al bacchio, è non pensare a quello che si favella. Vive abbrettio, vale Vivere di suo arbitrio o volontà. A vanvera, A bambera, A fanfera, è lo stesso che A caso. Non usavano i vecchi nostri far le cose a vanvera. Camminâ abbrettio, Correre alla scapestrata. Da mangiâ ghe n'ea abbrettio, Da mangiare ce n'era a josa, a biseffe.
Giuseppe Olivieri (1851)
Vedi
Abbrettiu. Modo avverbiale, che ha varii significati, e vale a caso, a casaccio, al bacchio, a capriccio, a bizzeffe, a ribocco, ad arbitrio, alla scapestrata, alla rinfusa, a catafascio, inconsideratamente, indifferentemente, alla sciammanata, a vanvera, a pazzombroglio. Scrive abbrettiu, vale scrivere a capriccio, senza determinata regola. Fâ e cose abbrettiu, è farle a caso, senza pensarvi, senza riflessione. Parlâ abbrettiu, favellare a casaccio, a caso, a fata, al bacchio; è non pensare a quello che si favella. Vive abbrettiu, vale vivere di suo arbitrio o volontà. Camminâ abbrettiu, correre alla scapestrata. Da mangiâ ghe n'ea abbrettiu, da mangiare ce n' era a josa, a bizzeffe, a ribocco.
Giovanni Casaccia (1876)
Vedi

Abbrettio avv. A macca, A macco, A bizzeffe, A josa, A fusone, A ribocco, In chiocca, ecc., e dinota Abbondanza: Da mangiâ ghe n'ëa abbrettio; Da mangiare ce n'era a josa.

" A catafascio, A pazzombroglio, A vanvera, ecc., e segna Disordine: Ammûggiâ abbrettio; Abbarcare a catafascio.
" Egualmente, Indifferentemente, Senza divario, e nota Indifferenza: Vaddo abbrettio con tûtti; Io vo egualmente con chiunque.
" A babboccio, A caso, A casaccio, A fata, A bandiera, Al bacchio, Alla diavola, ecc., indica Poca riflessione; Parlâ abbrettio: Parlare a casaccio, inconsideratamente, Anfanare, Abbajare. Fâ e cose abbrettio; Farle a caso, senza pensarvi, senza riflessione.
" A capriccio. Ad arbitrio, di Propria volontà: Scrive abbrettio; Scrivere a capriccio. Vive abbrettio; Vivere di suo arbitrio o volontà.
Gaetano Frisoni (1910)
Vedi
Abbrettio,  avv.  a bizzeffe, a josa, a ribocco ║ a catafascio, a vanvera ║ comunque sia, indifferentemente ║ a caso, a casaccio, inconsideratamente, senza pensarvi, senza riflessione ║ a capriccio, ad arbitrio (*L. ad arbitrium).
Visitate la pagina di Aiuto per contribuire alla realizzazione del Grande Dizionario della Lingua Genovese.
Strumenti personali
Dizionario Italiano-Genovese