Aiuto:Verbi

Da Zeneize-Italiano.

Coniugazione attiva

Per ogni verbo genovese va riportata tutta la coniugazione attiva, gestita dal templateVerbi. Il templateVerbi risolve questi due problemi in automatico:

  • la stesura dei tempi composti (esempio: Métte);
  • quando il verbo comincia per vocale, le elisioni di ti nella seconda persona singolare e la elle eufonica della terza persona singolare (esempio: Arivâ).

N.B. Quando la coniugazione è irregolare non sempre si presenta la consonante o la vocale nella seconda e nella terza persona singolare: per queste voci occorre provvedere a mano alla loro formattazione (esempio: Andâ).

Fondamentale perché il Template funzioni è la scelta dei parametri iniziali, ossia dei seguenti parametri:

|ausiliare=
|iniziale=
|parPass=
|parPassSi=
|parPassPl=

Precisamente:

  • il parametro |ausiliare= assume i valori avere oppure essere a seconda di quale ausiliare i verbo richieda; parametri diversi da questi due danno il messaggio d'errore: Ausiliare errato;
  • il parametro |iniziale= assume i valori consonante oppure vocale, a seconda della lettera iniziale del verbo, oppure mista quando la coniugazione è irregolare e non sempre si presenta la consonante o la vocale nella seconda e nella terza persona singolare; in questi casi la voce viene riportata così com'è scritta e occorre, diversamente dalle altre voci, provvedere a mano alla sua formattazione (es.: per far comparire t'andiæ occorre scrivere t''''andiæ'''); parametri diversi da questi tre danno il messaggio d'errore: Parametro errato;
  • il parametro |parPass= denota il participio passato maschile da usarsi quando l'ausiliare è avere;
  • il parametro |parPassSi= denota il participio passato singolare maschile e femminile (es. mìsso/a) da usarsi nelle persone singolari quando l'ausiliare è essere;
  • il parametro |parPassPl= denota il participio passato plurale maschile e femminile (es. mìssi/e) da usarsi nelle persone plurali quando l'ausiliare è essere.

Per compilare la pagina della coniugazione attiva del verbo si usi il modello VerbiZe.

Coniugazione passiva

La coniugazione passiva è identica per tutte e quattro le coniugazioni e non presenta speciali difficoltà. Quale esempio, nella categoria verbi genovesi è fornita la coniugazione passiva del verbo Lodâ.

La coniugazione passiva è gestita attraverso il template VerbiPassivi che, qualora fosse necessario, può essere utilizzato per qualunque verbo transitivo.

Coniugazione riflessiva

La coniugazione riflessiva non presenta speciali differenze rispetto alla coniugazione attiva, eccetto il fatto che le voci verbali sono precedute dalle particelle pronominali mi, ti, se, se, ve, se.

La coniugazione riflessiva è gestita dal template VerbiRiflessivi che presenta le stesse caratteristiche e gli stessi parametri del template Verbi relativo alla coniugazione attiva.

Si noti infine che esistono verbi (intransitivi) che hanno solamente la forma riflessiva (es. acòrzise). In questo caso la coniugazione da mettere nella pagina del verbo è quella riflessiva.

Per compilare la pagina della coniugazione riflessiva del verbo si usi il modello VerbiZeRiflessivi.

Il template {{FormaRiflessiva}}

Occorre segnalare nelle "Note" il fatto che un verbo ammette anche la forma riflessiva. Per fare ciò si utilizzi il template {{FormaRiflessiva}}. La sintassi è la seguente
{{FormaRiflessiva|numero|formaAttiva|formaRiflessiva|pronunciaFormaRiflessiva}}
dove numero è il numero d'ordine della nota (di solito il numero 1) mentre gli altri tre parametri si spiegano da sé. Il codice
{{FormaRiflessiva|1|lavâ|lavâse|la"va:se}}

1.
Il verbo lavâ ammette anche la forma riflessiva lavâse [la"va:se].