Aruxentâ

Da Zeneize-Italiano.
Lemma incompleto: per inserire o conoscere le motivazioni selezionare l'immagine
 
1. Sciacquare
2. Risciacquare
Parte del discorso della parola genovese

Verbo transitivo, 1^ coniugazione

Aruxentâ
non è ancora presente sul rimario

Etimologia
latino - Lux, lucis. Luce.
[nda] la traduzione letterale sarebbe dunque "lucentare" ovvero "rendere lucente"

Note
1.
Si usa indistintamente anche la forma ruxentâ.
Verbi.
 Si fa presente che in alcuni sporadici casi aruxentâ può essere inteso come sostantivo: l'atto di sciacquare.
info Grafîa ofiçiâ Grafia semplificata Pronuncia (SAMPA)
aruxentâ aruxentâ [aryZeN"ta:]
Aruxentâ sui vocabolari storici
Giuseppe Olivieri (1841)
Vedi
Arrüxentâ. Diguazzare, dibatter l'acqua o altri liquori ne' vasi. Diguazzare alcun vaso, si dice del dimenarlo ad effetto di diguazzar ciò che vi si contiene. Risciacquare, leggermente lavare e pulir con acqua.
Giuseppe Olivieri (1851)
Vedi
Arruxentâ. Risciacquare, sciacquare, diguazzare, sciaquattare. Parlandosi di bicchieri, vale lavarli nell'acqua, fregandoli specialmente al di dentro colle dita, o anche ponendovi dentro un poco d' acqua , e diguazzare il bicchiere, in cui altri poco prima abbia bevuto; vale anche dare l'ultima lavatura ai panni.
Giovanni Casaccia (1876)
Vedi

Arrûxentâ v. a. Sciacquare, Risciacquare, Diguazzare, Sciabordare, Sciaguattare. Nell'uso son sinonimi; a rigor di termine han senso diverso. Sciacquare e Risciacquare è Lavar leggermente, e per lo più dicesi di cose che non abbisognano d'una lavatura più forte, p. e. si risciacqua un bicchiere ov'altri ha beuto, una pezzuola brancicata; ovv. è Dar l'ultima lavatura in acqua pura a cose già lavate, p. e. lavate le stoviglie nel ranno, si risciacquan nell'acqua pura. Diguazzare o Sciaguattare valgono propriam. Agitare i liquori ne' vasi non pieni (V. Abbarlocciâ), ma si usano pure nel senso di Agitare una cosa nell'acqua per lavarla (V. Sguassâ). Sciabordare è più forte di Sciaguattare. I tintori p. e. non sciaguattano, ma sciabordano un panno quando lo sbatton di forza in un truogolo, in un rigagnolo o altro per levargli il ranno o il soverchio colore che avesse contratto. In questo senso è voce tecnica.

" Sparecchiare, e in m. b. e plebeo Sconocchiare, Far repulisti: Lasciar vuoti i piatti, Mangiar tutto.
de dinæ ûnn-a persōnn-a; Sbusare e nell'uso tosc. Ripulire: Spogliar uno di tutti i denari che abbia o per vincita fatta al giuoco o per altro motivo.
§ Arrûxentâse a bōcca; Risciacquarsi la bocca: Leggermente lavarsi o pulirsi la bocca con acqua o simile.
V.D.M. (1923)
Vedi
Arruxentâ
Risciacquare
Visitate la pagina di Aiuto per contribuire alla realizzazione del Grande Dizionario della Lingua Genovese.