Coæ

Da Zeneize-Italiano.
Lemma incompleto: per inserire o conoscere le motivazioni selezionare l'immagine
 
1. Voglia
Parte del discorso della parola genovese

Sostantivo femminile

Coæ
non è ancora presente sul rimario

Modi di dire
1.
Coæ de lòâ, sâtim'adòsso, lòua ti, che mi no pòsso. ║ Voglia di lavorare, saltami addosso, lavora tu, che io non posso.

Citazioni
1.
Dàgghe cianìn Xamìnn-a, no navegâ de spónda, prìmma che a coæ ch'a mónta e a chìnn-a a no me se dèsfe 'nte l'ónda. ║ Vacci piano, Giamina, non navigare di sponda, prima che la voglia che sale e scende non mi si disfi nell'onda.

[Fabrizio De André, Xamìnn-a, tratto dall'album: Crêuza de mâ, Ricordi, 1984, traccia 2]

2.
E i éuggi di sordàtti, chén aragiæ, co-â sciùmma a-a bócca, cacioéi de bæ, a scorî a génte cómme selvagìnn-a finché [in genovese fintànto che] o sàngoe sarvægo [o] no gh'à smortòu a coæ. ║ E gli occhi dei soldati, cani arrabbiati, con la schiuma alla bocca, cacciatori di agnelli, a riconcorrere la gente come selvaggina finché il sangue selvatico non gli ha spento la voglia.

[Fabrizio De André, Sidón, tratto dall'album: Crêuza de mâ, Ricordi, 1984, traccia 3]

info Grafîa ofiçiâ Grafia semplificata Pronuncia (SAMPA)
f.s. coæ coæ [kwE:]
f.p. coæ coæ [kwE:]
Coæ sui vocabolari storici
Giuseppe Olivieri (1841)
Vedi
Cuæ. Voglia, Volontà, Brama.
Gaetano Frisoni (1910)
Vedi
Coæ,  s. f.  voglia, desiderio ║ — matta, voglia fervida, fregola, brama ║ fâ perde a —, svogliare, togliere la fregola ║ levâse ûnn-a —, cavarsi una voglia, soddisfare un proprio desiderio ║ levâsene a —, mangiar tanto di qc. da stuccarsene ║ mette — de qc., far venir voglia, sucscitare il desiderio di qc. ║ vegnî —, venir voglia, bramare, desiderare.
V.D.M. (1923)
Vedi
Coè
Voglia.
Visitate la pagina di Aiuto per contribuire alla realizzazione del Grande Dizionario della Lingua Genovese.